Olivia Trummer

booking
pagina sito Olivia_edited.jpg

Olivia Trummer, pianista, compositrice e cantante tedesca, nasce in una famiglia di musicisti e sviluppa il suo rapporto con la musica come fosse una lingua madre, trovando in essa la miglior espressione per il proprio mondo interiore. Nel corso degli studi classici scopre la sua passione per la composizione e l’improvvisazione, che la porterà in seguito a volare oltreoceano per il Master’s Degree alla Manhattan School of Music di New York.  Le sue composizioni traggono ispirazione dal suo intero percorso, spaziando con naturalezza dalla classica al jazz fino alla sfera del singer-songwriter in cui, grazie all’innata eleganza della sua voce, morbida e versatile, Olivia crea un universo unico ed intensamente poetico. Vincitrice del prestigioso Jazz Award Baden-Württemberg nel 2019 è considerata a livello internazionale una delle più interessanti artiste della sua generazione.

play_spotify.png
play_youtube.png

Live bands

OLIVIA TRUMMER Trio

FOR YOU

NEW ALBUM

Olivia Trummer, piano e voce

Rosario Bonaccorso, contrabbasso

Nicola Angelucci, batteria

 

Special guests

Fabrizio Bosso, tromba

Kurt Rosenwinkel, chitarre

Il nuovo album di Olivia Trummer, For You (Warner Music/uscita: 4 marzo 2022), raccoglie il frutto del lavoro e delle esperienze degli ultimi anni e le trasforma in un invito ad accrescere la comprensione di sé in tutte le sfaccettature e ad abbracciare il cambiamento come valore. Pur essendo chiaramente un album jazz nella sua creazione e nella sua essenza, For You irradia anche l'immediatezza del pop, del gospel e dell'RnB, evocando a volte i cantautori degli anni Settanta.

Ad accompagnarla in questo viaggio due fuoriclasse del panorama jazzistico italiano: Rosario Bonaccorso è contrabbassista di grande esperienza ed eleganza, con alle spalle quarant’anni di attività come leader e come sideman di artisti internazionali. Conosciuto e amato per il suo suono, le sue composizioni e le sue profonde capacità comunicative, a volte aggiunge allo strumento anche la sua voce calda ed espressiva.

Il batterista e compositore Nicola Angelucci è diventato uno dei più stretti collaboratori di Olivia sin dal loro primo incontro, nel 2016. Descritto da Benny Golson come "il miglior batterista d'Europa", entusiasma il pubblico e i musicisti allo stesso modo con la sua eleganza ritmica, le sue multiformi dinamiche e la sua empatica presenza sul palco. Recente l’uscita del suo ultimo album Changes, interamente dedicato a sue composizioni.

Ritmicamente e armonicamente intrecciati, il trio esplora e rende sempre più “liquidi” i confini tra jazz e "good pop", sorprendendo chi ascolta per la leggerezza della musica e, nel contempo, la sua densità e profondità lirica: ogni canzone si sforza di aprire una porta su un futuro migliore e contemporaneamente apre una finestra sull'universo artistico genuino e intrigante di Olivia Trummer.

L’album è impreziosito dal suono magico della tromba di Fabrizio Bosso e dall’inconfondibile tocco di Kurt Rosenwinkel, entrambi fan appassionati di Olivia, disponibili anche a unirsi al trio nel live, quando se ne presenti l’occasione.

e inoltre

FLY NOW

 

Olivia Trummer, pianoforte e voce

La musica di Olivia Trummer spazia dalla classica al jazz passando per la sfera del singer-songwriter emanando un'aria di ottimismo e leggerezza. I suoi testi hanno una prospettiva molto particolare e personale, incentrati sull’amore e sulla fantasia. Nei suoi concerti da solista Olivia Trummer crea, anche grazie all’innata eleganza della sua voce, morbida e versatile, un universo unico ed intensamente poetico. Nel giugno 2018 ha pubblicato l’ultimo album da solita, una registrazione dal vivo e analogica di un concerto ai Bauer Studios di Ludwigsburg, nel quale si alternano canzoni originali e versioni di brani popolari o standard jazz, interpretati in una luce completamente nuova.

THE HAWK

 

Olivia Trummer, piano e voce

Hadar Noiberg, flauto e electronics

È un incontro casuale quello tra Hadar Noiberg e Olivia Trummer, avvenuto quando la flautista Israeliana si trovava di passaggio a Berlino. Tra loro nasce una immediata quanto inattesa empatia, sia personale che musicale. Entrambe sono legate tanto al mondo classico quanto

al jazz ed entrambe sono influenzate, nella loro composizione e improvvisazione, dalla musica mediterranea. Entrambe soliste ma anche band leader, Hadar e Olivia portano all’interno del duo la medesima intensità di forza e di tenerezza. La loro è una voce sola, gli strumenti una estensione della loro personalità.

La gamma del loro suono viene arricchita dalla voce di Olivia e dagli effetti elettronici e i loops utilizzati da Hadar. Nel novembre del 2019 le due artiste pubblicano il loro primo album, The Hawk, che contiene quasi esclusivamente composizioni originali tranne un arrangiamento di una folk-song Israeliana “Be-it Ha’arava” e una reinterpretazione di “Here comes the sun” di George Harrison. La naturalezza del percorso tra il primo incontro e la pubblicazione del disco dona a questo duo una luce tutta speciale, l’amicizia profonda e la sintesi perfetta tra le due personalità artistiche suggeriscono una intensità musicale che conduce chi le ascolta in un viaggio magico nel loro mondo incantato.

e inoltre

DIALOGUE'S DELIGHT

 

Olivia Trummer, piano, Fender Rhodes, voce

Nicola Angelucci, batteria

Olivia Trummer ha incontrato Nicola Angelucci nel 2016 sul palco del  “Panorama Music Festival“, nello splendido scenario delle Dolomiti della Val Di Fassa, nel corso del suo primo tour italiano. L’intesa immediata ed evidente tra

i due artisti ha dato origine a molte altre occasioni di suonare insieme, sia in Italia che all’estero.

Dopo 4 anni insieme, avendo sviluppato la loro poetica compositiva e interpretativa,

Olivia e Nicola si propongono in duo, sfruttando appieno le potenzialità espressive dei loro strumenti in una gamma di suoni, colori e dinamiche in grado di disegnare un mondo musicale complesso e allo stesso tempo accogliente per coloro che li ascoltano. Un repertorio di brani originali affiancati ad alcune personali versioni di standard, jazz e non, consente al pubblico di assistere ad un dialogo spontaneo, a tratti divertente, sempre intenso.